Maria come la vedeva Bernadette!

” O Madre mia,
é nel vostro cuore
che io vengo ad affidare le angosce del mio cuore
e attingervi forza e corragio.”
Santa Bernadette Quaderno di note intime

Annunci

Leave a comment »

Ti chiedi perchè fanno le guerre?

….. e ti rispondi: perchè la distruzione è l’unica realtà che conoscono sin da bambini!

Oltre ad aver perso i genitori, sono trattati come bestie, anzi peggio…… come potranno vivere anche solo un giorno di serenità da grandi con questa esperienza…..

Basta difendere i diritti dei potenti, i diritti dei petrolieri, i diritti dei banchieri, degli armatori….. i diritti che vanno difesi sono quelli dei bambini, dei poveri e dei malati………. i diritti dell’UOMO!

Comments (1) »

Creatività!

…. la mamma da piccolo di certo non lo rimproverava se si sporcava!

Comments (1) »

Armi….. adesso si spiegano molte cose!

Sono stanco e assonato ma non posso non scrivere questo post, queste cose bisogna saperle!

dal sito Lettera22:

ARMI: Il rapporto del SIPRI 2007

La spesa militare mondiale è in crescita. Nel 2006 le spese per gli eserciti hanno raggiunto 1204 miliardi di dollari (+3,5% rispetto al 2005).L’aumento è ancora maggiore nel periodo 1997 –2006 (+37%).Allo stesso modo anche la spesa media pro capite è salita da 173 dollari nel 2005 a 184 nel 2006.

….. l Paese che più ha speso nel settore militare nel 2006 sono gli Stati Uniti. Washington si conferma al primo posto con 529 miliardi di dollari, quasi la metà della spesa totale mondiale. Seguono a grande distanza alcuni Paesi europei ed asiatici: il Regno Unito con 59 miliardi, la Francia con 53 miliardi, la Cina con 50 miliardi di dollari si pone al primo posto in Asia ed al quarto assoluto, Pechino ha notevolmente aumentato la spesa ed ha così superato il Giappone fermo a 44 miliardi; la Germania con 37 miliardi; la Russia con 35, l’Italia si piazza al nono posto con quasi 30 miliardi, al decimo posto c’è l’India con 24 miliardi.

….. Il corposo rapporto di centinaia di pagine esamina anche il commercio internazionale delle armi, aumentato di almeno il 50% nel 2006 rispetto al 2002 I principali importatori sono Cina ed India, nonostante New Delhi sia il Paese con il maggior numero di poveri al mondo. E’ quindi chiaro che un alto livello di spesa militare toglie risorse per restituire la dignità ad un numero impressionante di esseri umani.

Anche nel 2006 i principali esportatori di armi sono stati USA e Russia. Washington e Mosca hanno ciascuno il 30% del totale mondiale, mentre i paesi europei hanno il 20% del mercato complessivo. Gli USA hanno venduto per 7,9 miliardi di dollari, segue la Russia con 6,6 e al terzo posto segue la Germania che con 3,8 miliardi raddoppia il livello delle sue esportazioni 2005. Più distanziate seguono Francia scesa a 1,5 miliardi (era a 2 nel 2005) e l’Olanda ed il Regno Unito con un miliardo. il nostro Paese scende al settimo posto, tuttavia con 860 milioni registra il livello più elevato di esportazioni dal 1985. Appare chiara, dunque, la fase espansiva dell’industria militare italiana, come peraltro evidenziata dai recenti dati ufficiali governativi.

…… Da registrare che nella top 100 elaborata dal SIPRI, Finmeccanica figura al settimo posto mondiale. L’azienda controllata dal Ministero dell’Economia era al decimo posto nel 2003, ha un fatturato militare che sfiora il 70% del totale. E’ poi da aggiungere MBDA, il consorzio missilistico di cui Finmeccanica possiede il 25%, che ha venduto armi per 4 miliardi di dollari.

Se volete leggere ulteriori informazioni andate sul sito del Sipri.

Leave a comment »

Dopo Youtube…..

…… penso che questa sarà la prossima rivoluzione di internet, per quanto riguarda il video!!!!!

 DEMOCRACY PLAYER

Dopo di che vi consiglio vivamente di fare un giro su questo sito : OpensourceMac.com …. va altrettanto bene per windows, anche se ci sono alcune eccezioni!

Comments (6) »

La Coca-Cola annuncia che eliminerà il benzene dai soft drinks

Benzene nelle bevande gassate?

E’ vero: molti soft drinks e bevande simili contengono benzene, un conosciuto elemento carcinogeno. Il Benzene è il più grande contaminatore industriale, un solvente potente a volte usato per la lavorazione della plastica. Ne ingeriamo una gran quantità dall’inquinamento atmosferico e dall’acqua che beviamo.

Coca-Cola e altri produttori di bevande simili non mettono nei loro prodotti il benzene dentro di proposito. Però l’Americana Food and Drug Administration (FDA) sa da circa 15 anni che il benzoato di potassio e il benzoato di sodio -usati per la conservazione delle bevande-, possono reagire con l’acido ascorbico, anch’esso aggiunto nelle bevande per aumentarne la freschezza. Il risultato di questo è : BENZENE!

Quanto Benzene c’è nella bevande? Più di quanto sia salubre o necessario. L’EPA definisce un livello sicuro di Benzene equivalente a zero. Nell’acqua di rubinetto, i livelli non dovrebbero superare 5 parti per miliardo.

L’organizzazione Enviromental Working Group ha trovato livelli di Benzene nelle bevande gassate, nel numero fra 5 e 138 parti per miliardo. La quantità dipende da quanto la bevanda è stata esposta alla luce o al calore. Livelli di benzene inclusi fra 5 e 15 ppb non sono inusuali.

La FDA si è incontrata con con i rappresentanti delle multinazionali dei soft drinks, circa 10 anni fa per discutere di questo problema e li aveva avvisati di trovare volontariamente una soluzione a questo problema. Ma poco è stato fatto, anche dopo che sono stati fatti nuovi controlli sui livelli di benzene nelle bevande, nell’estate 1998. C’è stato bisogno di una causa legale per riportare l’attenzione delle multinazionali come Coca-Cola, Pepsi, Sunny delight e altre aziende, sull’eliminazione del benzene.

Questa settimana Coca-Cola ha annunciato che sta iniziando ad eliminare il benzene dai suoi prodotti.

Questo annuncio, però ancora riguarda esclusivamente la Coca-Cola!

Per l’articolo originale di LighterFootstep.com eccoviil link: Coca-Cola agrees to take carcinogenic benzene out of soda

Leave a comment »

Energia libera e rinnovabile!

Grazie al incessante lavoro di Jacopo Fò e della sua truppa di Alcatraz, finalmente potremmo comprare energia verde e staccarci dalle aziende come Enel o Acea……. dal sito di Alcatraz:

Il mercato dell’energia elettrica è libero.
Sia per le aziende che per gli utenti residenziali privati

Oggi è possibile scegliere il produttore di energia elettrica che si preferisce. Perché non scegliere un produttore italiano che sfrutti fonti rinnovabili?

E grazie alla forza del Gruppo d’acquisto puoi anche risparmiare sulla bolletta!!!

 

Il Gruppo d’acquisto Merci Dolci-Alcatraz Energia ti permette di scegliere un fornitore di energia elettrica che sfrutti fonti rinnovabili, quali eolico, idroelettrico e fotovoltaico.
Per aderire basta scaricare il contratto, compilarlo, firmarlo, e spedirlo, insieme all’ultima fattura emessa dal fornitore di energia elettrica (Enel, Acea, Hera, ecc), a:

Merci Dolci srl – Loc. S. Cristina 14, 06020 Gubbio (PG)
o scansionato a energia@mercidolci.it

Per altre informazioni cliccate qui: energia elettrica da fonti rinnovabili

Leave a comment »