Archive for medicina corrotta

Ritalin: il successo italiano!

Noi italiani siamo i migliori alleati degli americani e anche per quanto riguarda i guadagni farmaceutici stiamo al passo!

In America il Ritalin è stato denunciato in mille modi e forse lo ritirano dal mercato…… in Italia è appena arrivato e ci ha messo poco ad entrare in commercio, scavalcando a piè pari la denuncia dell’associazione giù le mani dai bambini.

Ecco l’articolo sul caso Ritalin: “Il tar respinge il ricorso di Giù le mani dai bambini “

Comments (2) »

Psicofarmaci, le armi del nuovo millennio!

Adesso sono tre anni che faccio psicologia, ne ho lette di cose sulle patologie psichiatriche, sulle psicosi, sulle schizofrenie, sui disturbi del comportamento, sulla depressione e l’unica cura che viene somministrata ( apparte una non specificata psicoterapia) è quella farmacologica……. per l’appunto: ritalin, SSRI, prozac (anche se questo ormai è obsoleto….. ce ne sono di molto più efficaci e potenti) e tutti i simili.

Se non fosse perchè io non credo molto ai farmaci ( soprattutto al loro uso smodato), ancor di meno agli psicofarmaci, con tutte le cose che ho letto sui libri, a quest’ora mi sarei già convinto che la soluzione più efficace per curare una patologia mentale sarebbe quella di somministrare un farmaco.

I libri scrivono a volte un sacco di str….ate, poi se dietro ci stessero interessi trasversali non mi stupirei affatto!

I bambini vanno accolti, il loro potenziale va amplificato e canalizzato…… non va soppresso con gli psicofarmaci!

Dobbiamo fare anche la giornata nazionale del bambino!

Gli insegnanti, gli educatori e tutti coloro che lavorano con i bambini dovrebbero farsi loro un’esame di coscienza, dovrebbero farsi loro un bella terapia, dovrebbero veramente riscoprire la bellezza del loro mestiere, la bellezza dei bambini e della loro vivacità, dovrebbero rimettersi in contatto con quell’amore dal quale si sono congedati da anni e ritrovare la loro umanità!

I bambini sono sacri e come tali vanno riconosciuti e considerati! Basta agli psicofarmaci!

Leave a comment »

Le case farmaceutiche colpiscono ancora!

dal sito Luogocomune.net :

“Lo scippo delle case farmaceutiche:

L’industria farmaceutica è in gran festa, per una “scoperta” che promette di rallentare, se non di arrestare del tutto, la progressione del tumore al fegato. Il New York Post titolava ieri “Liver Cancer Breakthrough Found” (“Scoperta rivoluzionaria nella lotta contro il cancro al fegato”), e passava a descrivere le stupefacenti qualità di una nuova pillola, chiamata Sorafenib, che “attacca le cellule maligne impedendo che il sangue vi affluisca”. “I tumori non scompaiono nè regrediscono – proseguiva l’articolo – ma in molti casi smettono di crescere”.

Curiosamente, la possibilità di ottenere questo risultato – la capacità di inibire la crescita del tessuto bloccando la neovascolarizzazione si chiama “antiangiogenica” – esiste da oltre trent’anni, ed è stata rilevata nella cartilagine di squalo dal Dottor Willam Lane, che negli anni settanta pubblicò il rivoluzionario libro intitolato “Sharks don’t get cancer” (“Agli squali non viene il cancro”). Sono già decine di migliaia, nel mondo, le persone che hanno sconfitto il cancro grazie a questo prodotto naturale, ma ben pochi lo sanno. La cartilagine di squalo infatti è relativamente facile da reperire, poco costosa da trattare, e inoltre il mondo è già pieno di “buggigattoli alternativi” che la vendono a prezzi decisamente competitivi. ma sull’etichetta non si può scrivere che “cura il cancro”, perchè “la sua efficacia non è scientificamente provata”.

Se invece la scoperta la fa la Bayer, ecco che l’FDA approva immediatamente il prodotto, che sta per inondare il mercato dai poli all’equatore. Naturalmente, al prezzo che decideranno loro.

Tre anni fa scrivevamo, su questo stesso sito: “Come combattono in questo caso, le case farmaceutiche, un prodotto del quale riconoscono addirittura le preziose proprietà antiangiogeniche? Prima di tutto impedendo a chiunque di pubblicizzarlo come “cura per il cancro”, …

e costringendolo così nel settore delle “vitamine” generiche, non testate scientificamente (starebbe proprio a loro farlo, guarda caso). Settore che poi provvedono periodicamente a far bollare dai media come “alternativo”, “new age”, “esoterico”, “orientaleggiante” e così via, fino a minarne alla base la credibilità necessaria per una vasta diffusione sul mercato.

Nel silenzio della loro vergogna, però, vi dico con certezza (*) che le stesse case farmaceutiche stanno tentando disperatamente, da anni, di replicare in laboratorio le proprietà antiangiogeniche della cartilagine di squalo. Ma lo squalo il suo segreto se lo tiene gelosamente in fondo al mare, lasciando capire che fra prodotto sintetico e quello organico ci deve essere quella piccola differenza che determina la vita o la morte di chi è ammalato di cancro. Sorry, Mr. Bayer, sarà per un’altra volta.”

E invece pare che Mr. Bayer ce l’abbia fatta.

Quanto ci vorrà prima che il mondo capisca che all’industria farmaceutica non interessa minimamente la salute dei pazienti, ma solo il contenuto del loro portafoglio? Quante persone sono morte inutilmente di cancro, e quante ancora ne dovranno morire, prima che qualche altro “scienziato” ci riveli di aver scoperto “una pillola meravigliosa”, che magari replica le stesse identiche funzioni di mille altri prodotti naturali che già curano il cancro, ma che pochissimi conoscono perchè “la sua efficacia non è stata scientificamente provata”?

(E non mi si venga a raccontare che “la pillola è meglio, perchè è controllabile scientificamente, ecc. ecc.”. Il crimine non sta nell’aver “rubato” allo squalo il suo segreto, ma nell’aver taciuto per così tanto tempo le evidenti qualità del prodotto naturale.)

Massimo Mazzucco

Leave a comment »

Ah i farmaci……..

….. che schifezza! Bisognerebbe usarli solo in casi estremi e come estremi rimedi.

Da un articolo di disinformazione.it :

” Ogni tanto un farmaco usato da milioni di persone viene ritirato dal mercato perché provoca gravi danni all’organismo. Ogni tanto un farmaco viene ritirato perché provoca la morte stessa dei consumatori (il caso del principio attivo Rofecoxib, nome commerciale Vioxx, della Merck è esemplare: le stime parlano dalle 80 alle 140 mila complicanze cardiache che hanno provocato una vera e propria ecatombe).
Delle migliaia di prodotti chimici di sintesi che le lobbies del farmaco producono e vendono: quanti sono sicuri e quanti invece pericolosi per la salute pubblica?
Nessuno lo può sapere se non quando si manifestano pubblicamente i danni o le morti, e questo perché le ditte che producono i farmaci, per farli entrare quanto prima nel mercato, ‘modificano’ gli studi di sicurezza e grazie alla sudditanza, per non dire collusione, delle istituzioni che dovrebbero salvaguardare la salute pubblica (FDA, AIFA, EMEA, ecc.) ce li mettono gentilmente a disposizione nelle farmacie e da qualche settimana anche nei banconi dei supermercati.

L’Aulin per esempio è stato ritirato dal mercato irlandese dall’Agenzia del Farmaco di quel paese perché ha provocato insufficienze epatiche così gravi da dover trapiantare il fegato in diversi pazienti.
L’Irlanda non è il primo paese ad avere tolto il principio chimico Nimesulide (presente nei farmaci: Aulin, Algimesil, Antalgo, Areuma, Dimesul, Domes, Efridol, Eudolene, Fansulide, Flolid, Isodol, Ledolid, Ledoren, Nerelid, Nide, Nimenol, Nims, Noxalide, Resulin, Solving, Sulidamor, Fansidol, Sulide, Idealid, Delfos, Domes, Noalgos, Algolider, Aulin, Fansidol, Mesulid, Nimesil, Remov, Migraless, Edemax, Mesulid Fast, Nimedex e in molti farmaci generici) perché pericoloso per la salute: Finlandia, Spagna già dal 2002 lo hanno fatto, assieme ad altri stati.”

per chi volesse leggere l’articolo per intero guardare qui: La strategia delle lobbies del farmaco

 

Leave a comment »

Alcool, droga e rock n’ roll !

Recentemente la rivista Lancet ha riportato uno studio[1] di farmacologi dell’Università di Bristol, i quali hanno svolto un accurato esame tossicologico per riformulare i livelli di pericolosità di varie sostanze in base a parametri più completi ed accurati, che includono ad esempio anche i costi sociali e sanitari. Ne è risultato un elenco (dal più dannoso al meno dannoso) che mostra come alcuni farmaci regolarmente prescritti o sostanze di uso comune e socialmente ammesse abbiano un punteggio di tossicità più elevato di alcuni composti psicoattivi sia naturali (es. cannabis) che chimici (es. LSD o ecstasy) proibiti dalla legge.

Riportiamo l’elenco, evidenziandone alcuni in particolare, che maggiormente fanno risaltare questo ennesimo (stando alle valutazioni dei tossicologi) paradosso sanitario:1. Eroina
2. Cocaina
3. Barbiturici
4. Metadone
5. Alcol
6. Ketamina
7. Benzodiazepine
8. Anfetamine
9. Tabacco
10. Buprenorfina
11. Cannabis
12. Solventi
13. 4-MTA
14. LSD
15. Metilfenidato
16. Anabolizzanti steroidei
17. GHB
18. Ecstasy
19. Popper
20. Khat

LG

———————————————————-
1. Nutt D, King LA, Saulsbury W, Blakemore C, Development of a rational scale to assess the harm of drugs of potential misuse. The Lancet – Vol. 369, Issue 9566, 24 March 2007, Pages 1047-1053

Informazioni prese dal sito http://www.laleva.org

Leave a comment »

Sanità: Gatti o Montinari?

Volevo parlarvi dell’inchiesta di Gatti sul policlinico romano Umberto I …………………………. ma sicuramente in questi giorni vi bombarderanno di informazioni a riguardo,quindi ho deciso di parlarvi del caso Montinari.

Già ho scritto un post al riguardo,quindi vi faccio un piccolo sunto della situazione: Il dott. Montinari è uno specialista che si occupa di autismo e ha elaborato e adottato sui suoi pazienti (per la maggior parte bambini), un protocollo terapeutico che vede l’associazione di diete privative di glutine e caseina ad un trattamento omotossicologico (per capirci, omotossicologico è simile ad omoepatico ma un pochettino più elaborato). Questa sua terapia oltre a essere poco invasiva, per niente dannosa, e in molti casi dichiaratamente efficace, viene ostruita in qualsiasi modo, chiudendo asl affiliate al Dott. Montinari, non facendo erogare gratuitamente i medicinali omeopatici per la cura omotossicologica, e facendo intorno al medico e al suo operato un alone di mistero e di non chiarezza.

Molti, anzi quasi tutti dicono che le cure del dott. Montinari sono efficaci,cioè che i loro figli sono veramente guariti dai disturbi più gravi dell’autismo……………………… ma c’è chi sostiene che è l’effetto placebo, che sono le tecniche associate etc.

Cito un pezzo di un commento di uno dei genitori con figlio autistico in cura con il dott. Montinari:”Nessuno può negare gli effetti positivi della sua terapia,che sono sotto i nostri occhi. Ma il punto è che in altre regioni si concedono rimborsi per le terapie omeopatiche, chiediamo lo stesso trattamento”.

Dopo questo commento mi vengono in mente molti dubbi………………….. ma le case farmaceutiche sarebbero davvero contente di scoprire che si può curare un bambino autistico con diete, medicine omeopatiche poco costose e non prodotte da loro? Che il più delle volte le loro medicine fanno male, e anzi i loro vaccini causano malattie più gravi di quelle che curano? Perchè ostacolare queste cure alternative se hanno un così valido effetto sia fisico che psichico, sui figli, sui genitori e sulla famiglia?

Comincio seriamente a pensare che alle case farmaceutiche interessi molto più il profitto che la nostra salute (anche quando si parla di bambini), e vi dirò di più……………….. a volte penso che danneggino apposta la nostra salute per trarne qualche profitto!

“In India quando catturano elefanti ancora piccoli, li legano ad un paletto sufficientemente robusto per trattenerli.
Nonostante ci provino, i piccoli elefantini non riescono a liberarsi.
Passano gli anni, gli elefanti diventano adulti, e rimangono attaccati allo stesso paletto di prima.
Potrebbero facilmente sradicarlo se ci provassero, ma credono di non poterlo fare e così rimangono prigionieri”.

Un sito dedeicato a questa tematica:CURA MONTINARI

Leave a comment »

Chiarimenti sulla pred”on”azione degli organi!!

Ho scritto una mail alla lega nazionale contro la predazione di organi a cuore battente per dei chiarimenti sulla questione delle donazioni e qui vi pubblico la risposta integrale (con in corsivo le mie domande):

Ma voi pensate ci possa essere, in questa questione, anche un traffico illecito d’organi?”

1) Anche nei nostri ospedali, scompaiono gli organi: basti segnalare il caso di Pietro Tarantino (ns. sito). Però ciò che è gravissimo, da noi, più grave dello stesso mercato, è che abbiano inventato il concetto di “morte cerebrale” da dichiarare sulle persone ventilate che hanno perso la coscienza , per evitare di essere condannati per omicidio quando espiantano. Si può uccidere un morto? Un inganno formulato contro i cittadini da menti malate pericolosissime per l’umanità. Purtroppo l’ambito sanitario è zeppo di questi fanatici della morte e del bisturi. Non c’è nessun potere più grande di quello di dare la morte o la vita a piacimento..

.Il traffico d’organi nel Terzo Mondo è noto: la povertà offre soprattutto reni (organi doppi) dai vivi coscienti, la ricchezza prende. Ma anche in Italia c’è il mercato dai vivi coscienti, clandestino..

Perchè le istituzioni fanno così poca chiarezza in merito?

2) Perchè se i cittadini sapessero la verità non donerebbero e il business dei trapianti crollerebbe. Ma la propaganda li inganna da vecchia data dicendo che il prelievo è dopo la morte o peggio ancora che è da cadavere. Due menzogne dell’autorità sanitaria che hanno il solo fine di ingannare la gente ingenua..

Il morto, il cadavere, nella nostra cultura è in arresto cardiocircolatorio e respiratorio. Quindi quando il cittadino dona pensa di donare il proprio corpo morto nel senso comune del termine, non riesce a credere che i vertici della sanità possano programmare l’eliminazione dei comatosi per utilitarismo.

Potreste spiegarmi bene la legge che regola le modalità e i tempi di queste donazioni e cosa comporta il fatto che sia transitoria?

3) Vige la L. 578/93 che ridefinisce la morte su base neurologica stabilita dai protocolli di Stato.

vige il DM 582/94 che abbrevia i tempi del cosiddetto accertamento della “morte cerebrale” .

vige la L. 91/99: 28 articoli di cui 22 per l’organizzazione e la spartizione dei finanziamenti e 6 articoli per amministrare i rapporti con i cittadini e la propaganda che loro chiamano”promozione dell’ informazione”.

Gli art. 4 e 5 di detta legge trattano del silenzio-assenso e impongono al Ministro della Sanità un Decreto attuativo per la manifestazion di volontà presso le ASL che indichi modi e tempi di detta schedatura. Il Decreto non è stato ancora emanato quindi non è attuabile il silenzio-assenso .

Dunque siamo in Disposizioni Transitorie (art.23): il cittadino di suo pugno scrive su un semplice foglio (dichiarazione autografa) i suoi dati e la sua opposizione all’espianto di organi e prelievo di tessuti, oppure scrive di essere donatore , solo se non lascia disposizioni scritte la famiglia può presentare opposizione (non può donare).

La Ministra Bindi, quando era alla Sanità, con grande furbizia emanò un suo Decreto, facendo credere che fosse quello previsto dalla legge : il Decreto Temporaneo 8 aprile 2000 per l’applicazione delle Disposizioni Transitorie, dimostrando che non avevano nessuna intenzione di applicare la legge. Infatti Il decreto Bindi liberalizza tutti i tesserini fasulli di donazione compreso il suo per attivare il comma 3 delle Disposizioni Transitorie che dice che la famiglia non potrà fare opposizione all’espianto degli organi dei propri cari che risultino donatori. E’ così facile mettere un tesserino fasullo in tasca a uno che ha un incidente ! Così facile falsificarlo con una crocetta sul si aumentano le donazioni (vedi caso di Arezzo sul sito)

A peggiorare la situazione si è attivato sui mass media il diretore del Centro Nazionale Trapianti che invita pubblicamente ad andare all’ASL a manifestare la propria volonta alla donazione facendo credere che sia secondo legge. Il vero loro obiettivo è realizzare una schedatura di fatto senza informazione corretta e senza regole. Veda sul sito i nostri comunicati di diffida delle ASL (10.3.2004) e di Diffida del Ministro (27.1.2006)

Comunque sappia che già dal 1975 la L. 644 di allora prevedeva la donazione presunta se non si faceva opposizione . Ma nessuno lo sapeva, come nessuno adesso sa che siamo in Disposizioni Transitorie e che i Non- donatori devono mettere per iscritto con dichiarazione autografa la loro opposizione che terranno in tasca e nei documenti sanitari. Data la situazione è bene garantirsi con laCarta-Vita/Dichiarazione autografa formulata dalla Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente .

Mi rendo conto che un tale garbuglio di iniquità è difficile da rappresentare con chiarezza. Spero di essermi avvicinata.

Importante è tenersi in contatto e lentamente portare i suoi lettori alla comprensione della grave situazione.

Cordialità

Nerina Negrello

presidente

PS – Chi va all’ASL aderendo ad una schedatura illegale viene immesso direttamente nel data-base del Centro Nazionale Trapianti da cui è quasi impossibile uscire e del quale non ci si deve fidare .

Leave a comment »